In order to fulfill the basic functions of our service, the user hereby agrees to allow Xiaomi to collect, process and use personal information which shall include but not be limited to written threads, pictures, comments, replies in the Mi Community, and relevant data types listed in Xiaomi's Private Policy. By selecting "Agree", you agree to Xiaomi's Private Policy and Content Policy .
Agree

Chat

[] Morto non significa andato via...

2020-10-29 07:32:11
338 6



Ciao Mi Fans...


All'interno, i muri continuavano ad essere eretti, i mattoni si incontravano ordinatamente, i pavimenti erano solidi, e le porte erano chiuse in modo sensato; il silenzio giaceva costantemente contro il legno e qualsiasi cosa vi camminasse, camminava da sola.


Ci sono elementi che accomunano tutto il mondo, andando oltre le culture, le religioni o le lingue: uno di questi è sicuramente il soprannaturale. Sono molte le persone che sembrano ossessionate da ciò che accade dopo la morte, e a volte questa ossessione si trasforma in un vero e proprio terrore nei confronti di entità quali poltergeist o demoni . Moltissime persone al giorno d'oggi attribuiscono questo terrore disseminato ai film, alle serie tv e a qualsiasi cosa abbia a che fare con il cinema o con il teatro in qualche modo. Questo perchè spesso Hollywood ha attinto dal tema 'horror' per molti dei suoi prodotti cinematografici di successi, facendo passare tutte le storie raccontate come superstizioni o leggende. Tuttavia esistono storie ed esistono luoghi in cui il soprannaturale è tutt'altro che superstizione. In questa settimana in cui ricorre l'americanissima festa di Halloween (di origini Irlandesi in realtà), vi porterò con me in un viaggio attraverso 7 dei luoghi più infestati del mondo e che crediate o meno al soprannaturale, resterete impietriti.


#1 - Sallie House




In una strada tranquilla della piccola città di Atchison Kansas si trova una delle case infestate più conosciute. Essa si erge precisamente sulla 508 North Second Street ad Atchison Kansas ed è meglio conosciuta come Sallie House. Nel corso degli anni la casa è stata oggetto di diversi programmi televisivi e ha attirato molte squadre di investigatori del paranormale e della psiche nel tentativo di svelare i misteri su chi o cosa risieda ancora nella modesta casa di mattoni a due piani. La casa è stata originariamente costruita per la famiglia Finney. Michael Finney acquistò la casa e vi abitò con la sua famiglia fino alla sua morte, avvenuta nella residenza, nel 1872. Da allora ci sono stati molti residenti e diversi decessi documentati che si sono verificati nella casa nel corso della storia, fino ai giorni d'oggi.

Michael Finney - 1872

Richard Edwin Finney - 1874

William True - 1918

Agnes Finney True - 1939




Il nome Sallie deriva da una storia in cui una giovane bambina di sei anni di nome Sallie per l'appunto, che soffriva di un'appendicite acuta, fu portata nella casa dove risiedeva e praticava il medico locale della città, Charles Finney. Si dice che nella 'fretta' il medico non riuscì ad anestetizzare completamente la bambina, che si svegliò durante l'intervento chirurgico con terribili dolori e con orrore poi, morì per lo shock causato dalla perdita di sangue. Molti credono che lo spirito infantile sentito tramite AP e EVP sia quello di questa giovane ragazza. L'attività paranormale è stata documentata da molte squadre del paranormale e anche da ex inquilini della casa. L'attività più comunemente segnalata è costituita da ombre scure in movimento, fenomeni audio, fenomeni di voce elettronica, aumenti percepibili nel campo elettromagnetico, fluttuazioni di temperatura, malfunzionamento delle apparecchiature, fenomeni della luce, fenomeni olfattivo, tirari di i capelli e graffi che vanno da superficiali a gravi, manifestazione di strane sostanze che appaiono sul pavimento e sulle pareti del seminterrato, manipolazione di oggetti, la sensazione di essere spinti, possesso e apparizioni corpose.

#2 - Rose Hall



Di giorno, il palazzo Rose Hall sulla costa settentrionale della Giamaica è un perfetto mix tra l'architettura georgiana del 1700 e l'affascinante bellezza naturale del paese. Di notte, quella che è diventata una delle destinazioni turistiche più popolari della Giamaica diventa un macabro ricordo della morbosa e agghiacciante storia che vive e respira tra le pareti di quel luogo. La tenuta si trova in un'esclusiva enclave giamaicana ad est di Montego Bay. È stata completata nel 1770, completamente restaurata negli anni '60, e vanta una delle migliori viste sulla costa settentrionale in quanto si trova su una collina che domina i Caraibi. Originariamente parte di un'estesa tenuta di 650 acri, la storia della proprietà è anche intrisa dell'oscura storia della Giamaica, poiché la tenuta comprendeva oltre 250 schiavi che lavoravano per lo più nei campi di canna da zucchero circostanti. Secondo la famosa leggenda di Rose Hall, lo spirito di Annie Palmer infesta il terreno sottoforma di un'entità chiamata la 'Strega Bianca'. Secondo la storia, Annie nacque ad Haiti ed era una praticante vodoo. Si trasferì in Giamaica e a Rose Hall con suo marito, John Palmer, ma presumibilmente lo uccise poco dopo. Sempre secondo la leggenda, non finì lì poiché si sposò altre due volte ed entrambi i mariti fecero la stessa fine del primo, sempre nella tenuta di Rose Hall. Ad incrementare la già terribile atmosfera,  sono gli omicidi di tutti schiavi caduti vittima della 'strega'. Anche se si dice che il suo regno del terrore sia finito con gli stessi schiavi che maltrattò , molti giurano che ancora oggi infesti il terreno e diverse foto rappresentanti un'apparizione spettrale sono ritenute essere di Annie. Ad oggi  adornano l'atrio d'ingresso.


#3 - Monte Cristo Homestead




La storica fattoria di Montecristo, situata in Junee a sud dell’Australia, è considerata una dei luoghi più infestati della nazione tanto che per alcuni abitanti del luogo, risulta anche difficile pronunciare quel nome. Si narra infatti che questo luogo sia stato teatro di numerosi eventi tragici, che ripercorrono la memoria di moltissime persone ancora vive. La Montecristo Homestead è stata costruita nel Giugno del 1885, e proprio durante la sua costruzione, alcuni uomini morirono inspiegabilmente. Quello che proviene da fonti certe, è che la fattoria, fu abitata dalla famiglia Crawley, proprio fin dagli inizi, e furono proprio gli stessi Crawley ad avvertire i primi malesseri all’interno di essa. Sempre la storia, ci dice, che un bambino, mentre stava giocando al piano di sopra, fu spinto da una forza misteriosa, facendolo rovinosamente cadere dalle scale fino al piano inferiore, causandogli una morte violenta. Anche una cameriera della famiglia cadde accidentalmente da un balcone della proprietà. Il figlio dei Crawley tutto ad un tratto cominciò a prendere fuoco, una specie di autocombustione, morendo poco dopo. Alcune fonti non ufficiali, dicono anche che il figlio del custode della casa, sia stato rinchiuso all’interno dell’immobile per oltre 40 anni e che, quando fu ritrovato, la scena che si presentò davanti allo sceriffo fu raccapricciante: l'ormai uomo era rannicchiato vicino al corpo della madre morta; fu preso e portato in un ospedale psichiatrico, dove morì dopo pochi giorni. Nel 1952 circa, la casa fu rilevata da un gruppo di custodi, che l’avrebbero utilizzata per le vacanze estive, ma purtroppo, dopo circa sei mesi, uno dei custodi fu barbaramente assassinato, e l’omicida non è mai stato catturato. Ancor oggi, l’edificio, attualmente in stato di abbandono, viene considerato inavvicinabile, a causa delle entità che lo abiterebbero.

#4 - Borgvattnet



Borgvattnet è un piccolo villaggio nella contea di Jämtland, nella Svezia settentrionale. È rinomato perchè lì si erge una delle case più infestate della Svezia, l'Antica Canonica, costruita nel 1876. Il primo fantasma mai documentato in canonica risale al 1927, quando vi risiedeva il cappellano Nils Hedlund. Egli riferì molti strani avvenimenti, tra cui un particolare incontro con qualcosa di paranormale. Stava salendo in soffitta per raccogliere il suo bucato quando vide il suo bucato che veniva strappato dalla fila da una forza invisibile. Rudolf Tangden, un sacerdote che viveva in canonica negli anni Trenta, vide apparire in una stanza una donna anziana vestita di grigio. La seguì mentre si allontanava, ma lei scomparve davanti ai suoi occhi. Negli anni '40 il successore di Tangden, Otto Lindgren, e sua moglie dissero di aver avuto diverse esperienze paranormali, tra cui suoni inspiegabili e oggetti in movimento. In un'occasione una donna che si trovava nella stanza degli ospiti fu svegliata nel cuore della notte per poi vedere tre donne anziane sedute a fissarla. Lei accese rapidamente la luce e loro la stavano ancora guardando, ma sembravano sfocate. Nel 1945 il cappellano Erick Lindgren si trasferì in canonica e iniziò un diario che raccontava molte delle sue esperienze in casa. Raccontava di essere stato regolarmente buttato fuori dalla sua sedia da una forza invisibile, così come di altri incontri fantasma. L'edificio attuale funge da ristorante/caffetteria e da pensione. Pensate che se avrete il coraggio di visitarla e restare lì tutta la notte, i proprietari vi daranno persino un certificato di pernottamento per dimostrarlo! Pronti per l'Australia-Mi? No? Beh allora passo anch'io.


#5 - Isola di Poveglia




Poveglia, per chi non ne fosse a conoscenza, è un'isola che si trova nella laguna veneta. Nel corso dei secoli, dagli antichi romani ad oggi, ha avuto destinazioni d’uso sempre differenti. Inizialmente fu colonizzata dai romani, ma l'aspetto che più si avvicina all’attuale, risale invece al VIII secolo. Il suo nome deriva da Popilia, suo antico nome, che probabilmente dovrebbe provenire da populus (Pioppo) facendo riferimento alla presenza di alberi di pioppo sull’isola. Sull’isola vi sono undici fabbricati che si estendono su una superficie di circa sette ettari. La sua colonizzazione massiccia del VIII secolo fu dovuta alla distruzione delle città dell’entroterra da parte dei longobardi. Divenne sede di un piccolo borgo e di un castello e fu anche fortemente attiva nelle guerre al fianco di Venezia. Lo sviluppo avvenne anche grazie a questa collaborazione bellica con Venezia che concesse all’isola benefici: privilegi vari, esenzione dalle tasse e dal servizio militare e il remare nelle galee. Fu nel IX secolo che vi s’insediarono le famiglie dei servi di tale Pietro Tradonico, che aveva ottenuto privilegi in seguito all’uccisione del doge. Alla fine Poveglia divenne un centro florido, importante e ricco, fino a che non giunse la guerra di Chioggia, nel XIV secolo, occasione nella quale si preferì evacuare la popolazione a Venezia e fu costruito il famoso ottagono come postazione di difesa per Venezia stessa. L'isola fu ugualmente occupata dai genovesi che, prima di conquistarla, la bombardarono danneggiando il monastero presente già sull’isola. Al termine del conflitto l'isola risultava irriconoscibile e devastata. Sin dal XVI secolo si tentò un recupero dell’isola attraverso l’affidamento ai monaci camaldolesi o agli stessi eredi dei vecchi abitanti, ma Venezia ottenne solo rifiuti. Fu così che il governo decise di usarla come ricovero e magazzino per le attività marittime sfruttando la vicinanza al porto. Poi, a causa degli eventi, l’isola iniziò ad essere sfruttata per fini sanitari; nel XVIII secolo divenne anche lazzaretto e successivamente luogo dove bruciavano i corpi degli appestati. Il suo ultimo ruolo, durato sino al 1968, fu quello di stazione di quarantena marittima, ma poi fu abbandonato dallo Stato e da allora nulla è stato fino sino a qualche anno fa. L'isola è stata messa più volte all’asta e i veneziani han tentato di comprarla ma invano; l’ultima asta pare abbia avuto un imprenditore come vincitore. Sull'isola si trova il vecchio lazzaretto, il manicomio, la chiesa, il monastero, le antiche case… non mancano le leggende e chi la definisce 'isola maledetta'. Numerose sono le apparizioni che si narrano, d’altronde la morte in questo luogo è sempre stata padrona di casa, i ruoli e le guerre che ha subito quest'isolotto hanno più sangue sul suolo che gioia.Tuttavia le leggende si concentrano in particolar modo sul manicomio, poiché pare fosse un luogo dapprima mascherato come casa di riposo per anziani e infine emerso come centro di igiene mentale. Il manicomio/casa di riposo sopravvisse sino al 1946, anno della chiusura, ma già all’epoca giravano storie inquietanti. Innanzitutto, i pazienti della clinica giuravano d’esser perseguitati dalle anime degli appestati, al punto che le richieste di trasferimento da parte degli ospiti erano all’ordine del giorno; tali eventi portarono il direttore, da alcuni definito come sadico lobotomizzatore, ad usare metodi poco condivisi per cercare di curare i suoi pazienti. L'uomo, nella leggenda, pare sia impazzito a causa della persecuzione ad opera degli spiriti dei suoi assistiti defunti sotto i suoi esperimenti e dagli altri spettri di Poveglia, sino a spengerlo a gettarsi giù dal campanile. La leggenda si conclude con la sua morte non causata dall’impatto al suolo ma bensì da una strano fumo generatosi dal terreno e che avvolse l’uomo sino a soffocarlo.

#6 - Casa di Seven Gables



Salem, nel Massachusetts, è conosciuta per la sua storia di infestazioni, forse non più di quella dei processi alle streghe di Salem del 1692. Quell'evento da solo sembrava aver scatenato una tempesta di attività paranormali, e chiunque abbia indagato sul passato di Salem conosce sicuramente la Casa dei Sette Timpani. È stata la fonte di molti racconti infestati nel corso della sua storia, e giustamente - il legame che ha con i processi alle streghe di Salem è leggendario. E anche se è stata restaurata nel corso degli anni, alcuni sostengono che ciò sia servito solo ad esacerbare gli eventi spettrali. Nel 1668, il mercante e possessore di navi John Turner, figlio di un servo inglese, costruì una casa sul porto di Salem destinata a diventare una delle case storiche più amate/terrificanti d'America. Il successo di John Turner nel mondo degli affari gli ha dato la possibilità di farlo, diventando l'epicentro dell'economia del New England puritano. Era già a capo di una delle famiglie marittime di maggior successo del New England a quel tempo, con il commercio, la pesca e le attività mercantili che provocarono un boom dell'economia locale. Tuttavia, John Turner alla fine morì in mare, e la moglie vedova sposò un altro capitano di mare di nome Charles Redford. Sapendo che il suo destino si sarebbe concluso in mare, il capitano Redford si assicurò nel suo testamento che la villa sarebbe andata ai suoi nuovi figliastri. Certo, fu esattamente quello che successe, e la casa del capitano Redford, recentemente acquistat, passò ai figli dei Turner senza problemi. È dopo questo che la casa ha cominciato a diventare una parte importante della tradizione del processo alle streghe di Salem. I processi alle streghe di Salem sono una serie ben nota di eventi che si svolsero dal febbraio 1692 al maggio 1693. Un totale di 19 persone innocenti furono giustiziate in quello che si rivelò essere niente più che isteria di massa. In quel periodo di tempo la pazzia aumentò, con il risultato che più di 200 persone furono accusate di stregoneria. Mentre tutti furono poi completamente scagionati, all'epoca i cittadini temevano per la loro vita e per quella dei loro cari. Non ci voleva infatti molto di più di un'accusa passeggera per essere processati. John Turner Jr. ne era ben consapevole e voleva giustamente proteggere le sue sorelle durante questo periodo di mania omicida. Sapendo che anche i bambini di quattro anni venivano accusati e rischiavano la morte, John costruì una scala nascosta lungo il camino all'interno del palazzo dei Turner. Questo e molti altri aspetti della casa entreranno presto in gioco. Dopo aver goduto della villa per tre generazioni - e dopo la morte dell'ultimo dei Turner senza eredi rimasti - è stata venduta al capitano Samuel Ingersoll. Qui entrano finalmente in gioco l'autore Nathaniel Hawthorne e il suo romanzo. Hawthorne andava spesso a trovare la figlia del capitano Ingersoll, Susannah, alla villa. Qui prendeva nota del suo progetto, ispirandolo alla fine a scrivere l'ormai famoso romanzo La casa dei sette timpani. Il nome è rimasto e The Turner-Ingersoll Mansion era ormai noto come la Casa dei Sette Timpani. Con la sua connessione e la stretta relazione con i processi alle streghe di Salem, la Casa dei Sette Timpani è diventata un punto fermo della narrazione spettrale. Nel corso degli anni successivi agli orribili avvenimenti dei processi, molti testimoni hanno affermato di aver visto o incontrato gli spiriti di un tempo. Sagome nell'ombra di ogni piano, il fantasma di un ragazzino che giocava vicino alla soffitta e persino lo spirito di Susannah Ingersoll sono solo alcune delle entità che si dice siano state viste. Spesso, i non morti sono visti vicino ai frontoni del palazzo, il che aumenta ulteriormente lo spavento. Il maniero infestato ha azioni più inspiegabili dall'interno, come le luci che si spengono e si accendono a volontà, così come i rubinetti dell'acqua che si azionano da soli. Il personale del museo e i visitatori hanno riferito la sensazione di un'entità sconosciuta nella casa. Una donna sensitiva una volta ha fatto un giro della casa e ha affermato di aver visto un ragazzino giocare vicino ai timpani, arrivando persino a catturarlo in una fotografia. Aggiungendo ulteriore intrigo alla storia infestata della casa, è stato recentemente rivelato che all'interno della casa sono state scoperte stanze nascoste - una sala da pranzo dove un tempo venivano ospitati musical e danze, nonché una sala di contabilità, di cui si è scritto nel romanzo di Hawthorne. Come si può vedere dalla foto qui sopra, si tratta della stessa scala di cui si è parlato prima, costruita da John Turner Jr. in persona, affinché lui e le sue sorelle potessero trovare rifugio nel caso in cui qualcuno di loro fosse falsamente accusato di stregoneria. Tutte queste stranezze si combinano per creare una delle più famose dimore infestate del New England.

#7 - Casa Infestata di Jeddah



I tassisti non si avvicinano. Fa da calamita per gli "shabab", che sono inesorabilmente attratti dalle sue pareti sfregiate e coperte di graffiti, ma si fermano quasi sempre al momento di varcare la soglia. Conosciuta dalla comunità degli espatriati come luogo dell'orrore, la casa più infestata di Gedda è diventata una leggenda nella sua stessa vita. Ad oggi, si dice, 16 persone siano entrate nelle profondità di questo cumulo decadente, per non essere poi mai più viste.

Insomma cari Mi Fans, che ne pensate? Andreste mai con i vostri Xiaomi a fotografare e filmare in questi luoghi? E soprattutto credete nel soprannaturale? Fatemelo sapere qui nei commenti e ricordate...guardatevi sempre le spalle!





2020-10-29 07:32:11
Favorites2 RateRate

Master Bunny

ziotò | from app

#1

sarebbe bello visitarle
2020-10-29 14:08:45

Mi Blogger

Giuskiller995 Author | from app

#2

ziotò
sarebbe bello visitarle

Alcune di esse organizzano Tour notturni, in realtà tutte eccetto una...Non è possibile visitare o avvicinarsi all'isola italiana
2020-10-29 17:38:01

Mi Blogger

Viktor Koca | from app

#3

Come si sente dire in questi mesi, "io resto a casa" 🙃
2020-11-01 18:58:09

Mi Blogger

Giuskiller995 Author | from app

#4

Viktor Koca
Come si sente dire in questi mesi, "io resto a casa" 🙃

E come si risponderebbe in questi casi... "E mo so cazzi tua" 😂
2020-11-02 01:34:43
Segnalo questo articolo interessante per chi vive e/o passa da Milano ...

https://www.tastingtheworld.it/fantasmi-a-milano/1708/
2020-11-02 20:25:09
AnManMi replied at 2020-11-02 13:25:09
Segnalo questo articolo interessante per chi vive e/o passa da Milano ...

https://www.tastingtheworld.it/fantasmi-a-milano/1708/

Questa non la conoscevo!
2020-11-02 23:32:37
please sign in to reply.
Sign In Sign Up

Giuskiller995

Mi Blogger

  • Followers

    321

  • Threads

    176

  • Replies

    1956

  • Points

    9192

3 Days Check-In
7 Days Check-In
21 Days Check-In
40 Days Check-In
70 Days Check-In
100 Days Check-In
Halloween
100mila
redminote8series
200mila Mi Fans
MIUI 12
2 anni insieme
BEST Mi Blogger
MIBAND4
Survey2020
Magazzino in Italia
Monitor
Mi TWS 2 Bacis
Mi Scooter Pro 2
Mi Smart Band 5
Mi Tv Stick
K2K

Read moreGet new

Mi Comm APP

Stay updated on Mi Products and MIUI

Copyright©2010-2020 Xiaomi.com, All Rights Reserved
Quick Reply To Top Return to the list